La Basilica

Richiama il modello tradizionale delle torri campanarie. Architetti, direttori dei lavori, disegnatori delle campane, portale e angeli, furono il Servo di Dio Aristide Leonori di Roma e il fratello Pio. All’esterno è di granito grigio con elementi di marmo bianco, e all’interno di mattoni pressati. Un’armatura metallica a castello sostiene una scala di ferro di 360 scalini su 36 rampe, realizzato in stile corinzio e composito: cinque ordini architettonici rastremati dal basso verso l’alto, raccordati da colonne lucidate a specchio.

La porta frontale è di bronzo, reca in altorilievo la scena dell’apparizione del Sacro Cuore di Gesù a Santa Margherita M. Alocoque. Sui piedistalli del terzo ordine, si stagliano quattro angeli trombettieri in bronzo. Nella nicchia al centro, del quarto ordine, la statua in marmo di Carrara del Sacro Cuore, alta 6 m. le scritte: VENITE AD ME OMNES e CORDI JESU ANNO IUBILAEI MCMXXV, come le quattro fiamme agli angoli sono di bonzo dorato a fuoco. Il monumento è coronato da una cupola, sormontata da una croce gemmata in rame e bronzo, alta 6 m, benedetta da Pio XI, prima del trasporto a Pompei. 80 m d’altezza, fu costruito tra il 1912 e il 1925. Nel campanile trovano posto 8 campane.

A seguito dei danni subiti dal terremoto del 1980 furono eseguiti alcuni lavori di restauro e di consolidamento dal 1986 al 1988. Dalla porticina posteriore del campanile si sale al belvedere con l’ascensore, da dove si ammira il panorama.

 

  • Data
    13 febbraio 2018
    La Facciata, eretta come monumento alla Pace Universale, è costruita a doppio ordine, con portico a tre arcate, su modello delle basiliche romane, in travertino del […]
  • Data
    13 febbraio 2018
    Richiama il modello tradizionale delle torri campanarie. Architetti, direttori dei lavori, disegnatori delle campane, portale e angeli, furono il Servo di Dio Aristide Leonori di Roma […]